venerdì 6 giugno 2008

Piove, governo ladro!


Piove da giorni, provate ad immaginarvi una situazione fantascientifica, come quei film dove prevale sempre la penombra, dove pare non venga mai giorno, e le navicelle spaziali si muovono nella notte illuminata artificialmente, per spostarsi da casa al bar o da casa a casa o da un dove per un qualsiasi altro dove, provate a sostituire questa darkside del tempo con la pioggia.

Immaginate un futuro dove piove sempre, sempre, una terra che ha come sua principale caratteristica la pioggia permanente, magari riutilizzata come forma di energia, per equilibrare il suo potenziale distruttivo, insomma, è fantascienza, ma se Pegaso esiste esisterà anche questo mondo fatto di pioggia e di cielo plumbeo che ammorba le città. Cambierebbe tutto, cambierebbero le cose, le forme, i colori, gli odori, immaginate di avvicinarvi ad un corpo, dritto contro il muro, sotto una sorta di grondaia (poco futuristico direte voi? Però molto naif), per ripararsi dalla pioggia e voi li, con lo stesso scopo.

Poi, per un motivo del tutto intrinseco alla vostra natura, cominciate a desiderare quel corpo e ad annusarlo, vederlo, staccarlo dalle grigie tonalità che vi circondano, che però in un certo senso ve lo presentano in un modo unico. Chiusi, all’aperto, in un metro lineare di grondaia che pende sopra di voi, voi due e la pioggia che quasi comincia a non appartenervi più, ma vi obbliga a stare li, vicini, vi obbliga a desiderarvi.

5 commenti:

obscureart ha detto...

Oltre a leggervi in edicola, ho visto su un sito internet che visito spesso (www.legami.org) che avte un blog su questa piattaforma... beh, anch'io (obscureartsound.blogspot.com) saluti...

musicanti d'amore ha detto...

ciao francesco
bacini a coriandolo
bibi

Katia Ceccarelli ha detto...

La pioggia ha cambiato il mio mondo interiore per questo, al fine di compensare, scrivo spesso e volentieri di muri bianchi crepati dal sole.

Win ha detto...

Che bella scoperta questo blog ora attivo, dopo tante reiterate promesse sulle pagine di Blue. Bene... non appena riesco a resuscitare o sostituire il Mac che mi h appena piantata in asso diventerò una vostra lettrice assidua ANCHE online, dopo essere stata conquistata dal numero sul Bondage, un po' di mesi fa.

Win

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie